Il modello AttivAree tra i protagonisti del convegno Aree Fragili 2021

Il programma intersettoriale AttivAree, che ha visto coinvolte le aree montane dell’Oltrepò Pavese (PV) e delle Valli Trompia e Sabbia (BS) nel periodo 2016-2020, sarà tra i protagonisti del Convegno “ll terzo fragile. L’istituirsi del bene comune nelle aree rurali”, organizzato dall’APS Aree Fragili.

Il convegno avrà come fulcro il concetto di “terzo” declinato come insieme di valori, norme e consuetudini che guidano la vita delle persone e delle comunità locali e, in particolare, cercherà di riflettere sul suo sviluppo negli ultimi decenni nelle aree interne dove la socialità è maggiormente ridotta e a rischio di disgregazione.

Sabato 20 marzo, la Vicepresidente di Fondazione Cariplo Valeria Negrini parteciperà alla tavola rotonda conclusiva con altri rappresentanti istituzionali per approfondire il ruolo del terzo settore e delle fondazioni nelle aree fragili.

Il programma AttivAree di Fondazione Cariplo verrà proposto come modello virtuoso di riattivazione delle aree interne nel panel “Istituzioni fondamentali” di sabato 20 marzo. Negli ultimi anni, infatti, grazie ai progetti “AttivAree Valli Resilienti” e “AttivAree Oltrepò (bio)diverso”, le due aree hanno aumentato la loro capacità attrattiva nei confronti dei residenti, dei visitatori e dei poli urbani di riferimento, facendo leva sulle risorse delle comunità e stanno lavorando per mantenerla, nonostante la crisi sanitaria in corso. Ne parlerà Elena Jachia, Direttrice dell’Area Ambiente di Fondazione Cariplo e responsabile del programma, con un intervento dal titolo: “L’esperienza di AttivAree: reti, relazioni e percorsi di accompagnamento delle aree fragili”.

 

Per iscriversi al convegno https://www.areefragili.it/convegno-2021

Programma Convegno Aree Fragili 2021