Protagonisti del Cambiamento - L'esperienza di Fraternità Impronta, per il rilancio di Casa Saoghe. Incontriamo la cooperativa che contribuisce al progetto Valli Resilienti

Partner del progetto Valli Resilienti,  incasellata nel grande mosaico del driver B, Valli Solidali, la Cooperativa Fraternità Impronta ha in capo l'azione di riqulifica e rilancio della casa vacanze che domina la Valle Trompia, nel territorio del Comune di Marmentino. Stiamo parlando di Casa Saoghe, la struttura ricettiva che l'anno scorso vi abbiamo presentato attraverso l'esperienza del trekking con gli asini,  in un percorso "lento" tra la casa e i dintorni, che ci ha fatto scoprire alcuni suggestivi luoghi della valle. Casa Saoghe si sta strutturando per essere tra le tappe del "Circuito Valli Accoglienti e Solidali", quella rete di opportunità - ospitalità e esperienze - che si sta delineando per caratterizzare l'offerta turistica delle valli. Ospitiamo nella nostra rubrica dedicata ai protagonisti del cambiamento Stefania Pedretti, della coperativa, che ci racconta qualcusa in più sulla loro realtà e sul loro contributo nel processo di rinascita delle valli protagoniste del Programma AttivAree.

 

 

Mi descrivereste Fraternità Impronta in breve?

 

Fraternità Impronta, Impresa sociale scs onlus, opera sul territorio bresciano offrendo servizi rivolti a famiglie e minori attraverso un rapporto di sussidiarietà con gli Enti territoriali di competenza e con l’intero territorio.

 

Quando nasce, cosa fa, dove opera e quanti siete?

Fraternità Impronta nasce nel 2001 ad opera di alcune cooperative di Gruppo Fraternità.

Fraternità Impronta opera prevalentemente su tre territori: la Franciacorta, Brescia e la Valle Trompia.

A Ospitaletto (BS) la cooperativa gestisce:

•due comunità educative per preadolescenti e adolescenti “Il grande cerchio” e “Strade nuove” presso Cascina Cattafame;

•il centro di aggregazione giovanile “Comunità diurna” presso Cascina Cattafame;

•tre alloggi semi protetti per l’autonomia per neo maggiorenni presso Cascina Cattafame;

•tre alloggi di housing sociale nel condominio “Rosa e Cialo Bergamini” in centro ad Ospitaletto;

•una fattoria didattica solidale “Piccolo Ranch” presso Cascina Cattafame, comprendente ricoveri per diverse specie di animali da cortile, gli asini della “Cattafame” e un apiario. La fattoria nel periodo primaverile è visitata da diverse scolaresche presenti sul territorio di tutta la provincia di Brescia; è un luogo dove i bambini possono conoscere da vicino gli animali, possono fare attività laboratoriali e giocare all’aria aperta, ma è soprattutto un laboratorio per i nostri minori inseriti in Comunità che trovano, nel lavoro e nel contatto con la terra e con gli animali, percorsi di vita “alternativa” alla devianza;

•una serie di laboratori ergoterapici per minori;

•un ristorante – pizzeria solidale presso Cascina Cattafame: il ristorante, aperto tutti i giorni per pranzi di lavoro e nel weekend anche per la cena, propone una cucina pensata e studiata dal nostro chef Gianmario Portesani, chef stellato che ha deciso di dedicarsi al sociale e sostenere la nostra cooperativa, affiancando i nostri ragazzi, dando loro una prospettiva di vita diversa da quella che conoscono e che guardi al futuro. Anche il ristorante è un laboratorio occupazionale dove i nostri ragazzi possono svolgere anche tirocini lavorativi;

In Valle Trompia, e soprattutto in Alta Valle, i servizi gestiti dalle cooperativa sono:

•Gestione della casa vacanze solidale “Casa Saoghe” a Marmentino inserita nel progetto promosso da Fondazione Cariplo: Attivaree – Valli Resilienti. Casa Vacanze Saoghe è un luogo dove trascorrere momenti di puro relax immersi nella natura; si possono fare passeggiate e visitare le malghe e luoghi magici che nasconde il territorio dell’Alta Valle Trompia.

•un asilo nido di comunità a ispirazione montessoriana accreditato da Regione Lombardia, “Il Sentiero Incantato”, per bambini da tre a trentasei mesi, a Brozzo di Marcheno (BS);

•un Centro prima infanzia accreditato da Regione Lombardia, “Il bosco incantato” a Tavernole sul Mella (BS);

•uno spazio gioco: “CocciMella” per bambini da zero a tre anni, a Gardone Val Trompia (BS);

•attività di formazione e prevenzione nelle scuole;

•assistenza all’autonomia per alunni disabili negli otto Comuni dell’alta Valle Trompia;

A Brescia la cooperativa gestisce:

• una comunità di pronto intervento (CPI) e un Centro di pronta Accoglienza (CPA) per preadolescenti e adolescenti “Azimuth” in stato di fermo o arresto in attesa di udienza arrestati in fragranza di reato.

 

Chi sono le persone di Fraternità? Come le definireste in poche parole?

Le persone che operano nella nostra Cooperativa sia i soci volontari che i lavoratori, sono persone attente alla relazione con l’altro, soprattutto a coloro che versano in situazioni di fragilità. La nostra Mission, “Accanto alle persone”, racchiude il senso del nostro operare.

 

 

Come mi descrivereste il territorio delle Valli Resilienti?

I territori delle Valli Resilienti sono aree interne, di media montagna la cui posizione è fortemente periferica rispetto alla media e bassa Valle e a Brescia città. Le Valli Resilienti, in particolar modo l’ Alta Valle Trompia, territorio che conosciamo molto bene in quanto oltre a viverlo vi operiamo da 20 anni, sono luoghi di non facile approccio per chi li vuole conoscere ed abitare. Territori votati al lavoro, in miniera fino al primo dopoguerra, all’agricoltura montana e alla pastorizia e via via alla fabbrica. Luoghi spesso sconosciuti ai più, ma ricchi di storia e tradizione. Lo dimostra la via del Ferro che percorre tutta la Valle Trompia e trova uno dei suoi luoghi più rappresentativi nel Forno Fusorio di Tavernole s/Mella. Valli Resilienti…abitate a persone che hanno fatto della resilienza il loro stile di vita.

 

Cosa significa per voi il Programma AttivAree?

Il programma AttivAree per noi in primis significa cambiamento culturale che deve coinvolgere l’Alta Valle Trompia e l’Alta Valle Sabbia partendo dal basso, dalle comunità che quotidianamente vivono questi luoghi. Approccio culturale nuovo, di apertura verso nuove sfide, quali il turismo e l’accoglienza a impronta etico solidale. Attraverso Casa Saoghe a Marmentino, quale punto di ricettività turistica e luogo di incontro aperto alla piccola Comunità di Marmentino si intende aprire il territorio a nuove opportunità legate soprattutto allo sviluppo turistico, alla valorizzazione dei luoghi, delle tradizioni e dei suoi prodotti tipici. AttivAree deve essere anche “ponte verso la città” in quanto deve contribuire a rendere attrattive le Valli Resilienti a chi vive nei contesti urbani.

 

A che punto siamo?

A Casa Vacanze Saoghe i lavori di riqualifica e abbellimento procedono. La casa ogni giorno di più prende forma ed è pronta per accogliere gli ospiti. In questo anno si è lavorato molto con la piccola Comunità di Marmentino (600 abitanti circa) al fine di gettare le basi per quel cambiamento culturale che dovrebbe modificare l’approccio del territorio e dei suoi abitanti verso esperienze improntate al turismo esperienziale e all’accoglienza ad impronta etico solidale. Casa Saoghe si è aperta e si è fatta conoscere dalla piccola comunità marmentinese che ha apprezzato il lavoro dei nostri ragazzi e ne ha capito la valenza sociale. Alcune persone del luogo si stanno prendendo cura di Casa Saoghe, ci aiutano nella gestione delle api, dell’orto e degli asini e dell’accoglienza affiancando i nostri ragazzi e gli educatori. Siamo consapevoli che il lavoro di connessione dal basso con le comunità locali è ancora lungo, ma crediamo che questa sia la vera sfida che ci aspetta.

 

Prossimi appuntamenti?

Il 16 e il 17 giugno si terrà a Casa Vacanze Saoghe il trekking experience: “La Valle delle Melle a passo d’asino.” Vi aspettiamo per trascorrere insieme a noi due giornate all’insegna dell’avventura, del divertimento e della convivialità, alla scoperta del nostro territorio.

 

trekking aree interne

 

 

Casa Saoghe

Fraternità Impronta

AttivAree Valli Resilienti