Il Punto di Vista - Luca Argentero

argentero 2

 

 

 

 

Il "Non solo caffè" del "Non solo bar Co.Ge.S.S.", crocevia di storie di solidarietà

 

Luca Argentero è un attore italiano di indiscusso talento che è si fatto apprezzare in molte produzioni televisive e cinematografiche di successo.

L'impegno professionale però non è la sola cosa che Luca porta avanti con successo nella vita, c'è anche la solidarietà, con un progetto specifico che si chiama " 1 caffè" .

Un nome che è decisamente evocativo per noi che stavamo giusto pensando a come riempire di valore "una tazza di caffè".

Il caffè, per noi è quello del "bar Co.Ge.S.S.", gestito da una cooperativa sociale che è partner nel Programma AttivAree di Fondazione Cariplo, dedicato alla rinascita delle aree marginali - quelle che si sono spopolate negli anni, quelle in cui c'è da riaccendere le luci nei borghi e fare rivivere i paesi che si sono spenti.

E i paesi rinascono con le persone, quelle che ci credono e non mollano, quelle della Co.Ge.S.S. - ad esempio -che hanno riacceso le speranze nelle valli anche per le persone più fragili, includendole in un percorso lavorativo e di vita che ha un grande valore sociale.

E il bar? Beh, al bar ci stanno proprio loro, i ragazzi della Co.Ge.S.S., che ti accolgono e ti sorridono, e con entusiasmo ed educazione prestano servizio.

L'educazione e la sensibilità manca invece, a volte, a chi di passaggio, sbuffa perché "ci si impiega troppo tempo per ricevere un caffè." E allora, magari, i sorrisi si spengono, e con un niente, si ferisce chi ad imparare ci ha messo davvero tanto impegno e cuore.

E qui, tra "il tempo per prepararlo" e il "caffè sospeso", intercettiamo Luca, per farci aiutare a dare valore a un gesto semplice, ma che può lasciare il segno e diventare un'opportunità per costruire tanto altro.

 

Luca, cosa c'è dentro una tazza di caffè?

 

Ci sono molte cose, soprattutto per noi italiani...viviamo questo gesto semplice in molte declinazioni, dalla normale convivialita' al gesto di indulgenza personale, dall'informale invito per stabilire un contatto fino al piccolo gesto di solidarietà. E poi c'è tradizione, cultura e gusto. Se assunto con moderazione ha poi anche proprietà utili all'organismo. Insomma è quasi una pozione magica.

 

È che cos'è "il caffè sospeso"?

 

È una tradizione napoletana che affonda le sue radici nella proverbiale inventiva dei campani. A Napoli si può entrare in un bar, acquistare un caffè per se' e poi lasciarne uno pagato per chi non se lo può permettere. Un gesto di solidarietà verso uno sconosciuto.

 

Ci racconti il progetto "1 caffè"?

 

1caffe.org prende spunto proprio dalla tradizione del "caffè sospeso", la rende digitale e provvede ad offrire in prima persona alcuni caffe' e colazioni a piccole onlus e associazioni italiane che fanno fatica a fare fund raising e comunicazione. Infine offre a tutti la possibilità di unirsi a questa raccolta: attraverso sistemi di donazione digitale permette a chiunque di "offrire" un caffè al progetto della settimana. Ogni 7 giorni infatti presentiamo una nuova associazione, che viene scelta dal nostro comitato scientifico tra le tante candidature che ci arrivano.

 

 

Un consiglio per i nostri ragazzi del bar Co.Ge.S.S.?

 

Sarei curioso di riceverne!!! Ma nel frattempo di continuare su questa strada, il progetto è bellissimo! Se poi qualcuno si lamenta dell'attesa basta rispondere con un sorriso: per fare le cose per bene serve sempre un po' di tempo, e se vogliono gustare un caffè davvero speciale si può anche aspettare qualche minuto in più!

 

 

 

 

 

Per approfondimenti:

 

Il progetto "Non solo Bar Co.Ge.S.S" :

http://www.attivaree-valliresilienti.it/it/azioni/valli-solidali/valli-solidali.html

 

Biografia di Luca Argentero:

http://www.lucaargentero.it/