A che Punto Siamo - I Display Garden di Oltrepò(Bio)diverso, in mostra a Euroflora 2018, la più importante tra le floralies europee

pannello oltrepo page 001
Display Garden

 

Euroflora è la più importante tra le floralies europee, riconosciuta alla sua prima edizione, nel 1966, dall’Association Internationale des Producteurs Horticoles, fa parte della Association of International Floralies. L’edizione 2018 si inserisce nell’ambito dell’anno europeo dedicato alla tutela del patrimonio culturale, valorizzando un patrimonio storico e naturalistico unico in Italia grazie anche al contributo scientifico dell’Università di Genova.

I colori e i profumi di Euroflora esplodono dal 21 aprile al 6 maggio nell'incredibile scenario dei Parchi di Nervi  dove con 86mila metri quadrati e 5 chilometri di percorsi tra giardini e ville storiche affacciati sul mare si attende il visitatore per un’esperienza unica e immersiva che parte dalla tradizione delle grandi floralies italiane e si sviluppa con un format nuovo e spettacolare. 

Il progetto di Euroflora 2018 esalta la bellezza dei parchi storici arricchendoli con nuove fioriture e con scenografie vegetali che giocano con le forme ed i colori dei fiori e del fogliame. L’acqua, la terra, l’aria ed il fuoco sono gli elementi rappresentati nei quattro quadri da scoprire uno dopo l’altro lungo il percorso principale di visita, in un crescendo di stupore. Ad accogliere i visitatori una scenografia di benvenuto, un pattern di cerchi concentrici realizzato con alti fiori blu e bianchi e cime da barca. Red Wave - Fuoco sarà il primo quadro, una distesa di fiori rossi, lingue di fuoco, in cui immergersi in un percorso avvolgente, Wild Horses - Terra sarà il secondo, cavalli giganteschi al galoppo sul prato davanti a villa Grimaldi nei pressi delle scuderie storiche, sculture vegetali realizzate con la tecnica della mosaicoltura. Il terzo quadro, Lago delle ninfee – Acqua, sarà uno specchio d’acqua perfettamente rotondo, ritagliato nel prato, su cui galleggiano tremolanti al vento ninfee bianche e rosa. L’ultimo, Soffio del vento – Aria, sarà una grande scenografia tridimensionale che utilizza il principio dell’anamorfosi: la struttura si rivela man mano che ci si avvicina, per palesarsi nella sua interezza da una determinata angolazione panoramica.

500.000 fiori coloratissimi formeranno grandi composizioni a contrasto con il verde dei prati e degli alberi secolari dei parchi. Le realizzazioni a cura dei florovivaisti, dei paesaggisti e dei partner istituzionali – Comuni, Regioni, Paesi europei ed extraeuropei – in un tutt’uno con le grandi scenografie invaderanno i parchi creando uno spettacolare paesaggio fiorito.

In questo straordinario contesto ha trovato uno spazio importante anche il progetto Oltrepò(Bio)diverso,  con l'azione dedicata all'ecoturismo collocata nell'ambito dell'Open Innovation Center che vede come partner il Dipartimento di Scienze della Terra dell’Ambiente e della Vita (DISTAV) dell’Università di Genova, il Dipartimento di Ecologia del Territorio dell’Università degli Studi di Pavia e il Dipartimento di Scienze delle produzioni vegetali sostenibili dell’Università Cattolica del Sacro Cuore.

Questi tre dipartimenti universitari si stanno occupando di valorizzare il patrimonio ambientale a fini turistici attraverso la progettazione e realizzazione di alcune attività e strumenti, come i display garden, presentati in anteprima nello stand degli orti botanici italiani a Euroflora curato dall'Università di Genova.

I display garden sono delle piccole aree dove sono raccolte alcune specie interessanti della flora spontanea, etichettate con i loro nomi scientifici. Sono dei piccoli orti botanici adatti per essere mostrati a scolaresche, gruppi guidati, o singoli visitatori, dove è possibile osservare alcune piante autoctone, conoscere il loro nome e imparare ad apprezzarle e, quindi, proteggerle.

I display garden presentati in anteprima a Euroflora verranno posizionati nel territorio del Progetto Oltrepò(Bio)diverso presso luoghi pubblici, aziende agrituristiche, punti di interesse di varia natura andando a creare nuovi punti di interesse e curiosità sul visitatore che potrà quindi scegliere anche di approfondire le proprie conoscenze attraverso una visita più approfondita del territorio.

Grazie a quest’azione si vuole tentare di offrire una risposta alla crescente domanda di servizi per l’ecoturismo e il turismo scientifico, adeguando la valorizzazione della biodiversità ambientale e agricola, al ricco patrimonio di essenze e specie, soprattutto floristiche del territorio.

 

 

Gallery